Crea sito

In caso di incidente

Su Art. 186 Art. 189 Codice Penale Art. 187

Come comportarsi in caso di sinistro

Per prima cosa l'utente della strada, in caso d’incidente in ogni modo ricollegabile al suo comportamento, deve fermarsi e se necessario prestare soccorso alle persone che eventualmente sono rimaste ferite.

In caso di sinistro stradale occorre comportarsi come segue:

Si ricorda che vige l'obbligo di fermarsi, la cui violazione comporta delle pesanti sanzioni sia amministrative che penali. Si riporta l'articolo 189 che da le indicazioni su come comportarsi in caso di sinistro stradale.

Cosa fare dopo il sinistro

Il C.d.S. attualmente in vigore prevede all'art. 11 bomma 4 che "gli interessati possono chiedere agli organi di polizia di cui all'art. 12 le informazioni acquisite relativamente alle modalità dell'incidente, alla residenza ed al domicilio delle parti, alla copertura assicurativa dei veicoli ed ai dati di individuazione di questi ultimi." Può richiedere all'Ufficio rilascio atti, sito in via Dossetti, 2, la copia degli atti redatti dalla pattuglia intervenuta. Per i sinistri che hanno causato il decesso di una persona occorre presentare l'autorizzazione del Pubblico Ministero, incaricato del procedimento penale.

CID: diritti e doveri dell'assicurato

La Convenzione Indennizzo Diretto (CID) è quella procedura stabilita d'intesa fra tutte le maggiori Compagnie assicuratrici che consente all'automobilista, che sia protagonista non colpevole o parzialmente colpevole di un incidente stradale con un'altra automobile, di essere risarcito, a certe condizioni direttamente dalla propria Compagnia anziché da qtella della controparte, sempre che entrambi i conducenti coinvolti abbiano compilato e sottoscritto il "modulo blu".

Compila il CID

I diritti dell'assicurato
I doveri dell'assicurato
Ricordare inoltre che la CID si applica quando:

Se non c'è accordo sull'entità dei danni, l'assicuratore paga la somma da lui stimata e l'assicurato, dopo l'incasso, può rivolgersi allo stesso assicuratore per la differenza pretesa.

Dal primo febbraio 2007 è entrato in vigore il cosiddetto indennizzo diretto, ovvero la possibilità per i danneggiati di essere risarciti direttamente dal proprio assicuratore. Questa nuova procedura di rimborso si applica in caso d’incidenti tra due veicoli entrambi con targa italiana. Non scatterà invece per quei sinistri the vedono coinvolti pia di due veicoli, per i ciclomotori privi della nuova targa e per i danni gravi al conducente (in questo caso ci sari solo l'indennizzo diretto per i danni al veicolo ed alle cose, mentre per i danni alla persona occorrerà rivolgersi alla compagnia del veicolo responsabile del sinistro).

Le intenzioni di questo provvedimento sono quelle di abbreviare i tempi per ottenere il risarcimento. Dopo la comunicazione della somma offerta la compagnia assicuratrice deve procedere al pagamento entro quindici giorni. Per far partire la procedura, i danneggiati dovranno presentare un modulo blu alla propria assicurazione. La denuncia e obbligatoria anche se si ha torto. In caso contrario, infatti, 1'agenzia assicurativa può rivalersi sull'assicurato. Se si pensa di aver ragione occorre presentare in allegato la richiesta formale di risarcimento ( con raccomandata RR consegnata a mano, via telegramma o fax o infine via mail) sul modulo blu occorre indicare:

Il modulo firmato da entrambi i coinvolti accorcia i tempi del risarcimento. Per i danni ai i veicoli ed alle cose la risposta delle compagnie deve avvenire entro 30 giorni anziché 60. Ne servono 90 in caso di danni al conducente.

Se l'assicurato non è d'accordo con l'offerta della compagnia o con la sua esclusione dalla procedura, ha tempo due anni per fare causa alla sua assicurazione. Per ogni controversia nei confronti della compagnia il cittadino può ricorrere alla procedura di conciliazione ANIA - Associazioni dei consumatori in modo gratuito per incidenti con danni sino a 15.000 euro.
 (pubblicazione in formato PDF a cura del Corpo di Polizia Municipale di Torino - Settore di sicurezza urbana - Sezione Infortunistica Stradale).